mercoledì 22 marzo 2017

Seminario di tecniche di invenzione e scrittura a Milazzo (ME)

Domani giovedì 23 marzo 2017, dalle ore 15.00 alle ore 18.15 terrò un seminario di tecniche di invenzione e di scrittura per le insegnanti dell'Istituto Comprensivo Carrubaro di Milazzo.

martedì 21 marzo 2017

Incontri-spettacolo a Milazzo (ME) per 200 alunni dell'Istituto Comprensivo Carrubaro

Giovedì 23 marzo 2017 confermati i due incontri-spettacolo all'Istituto Comprensivo Carrubaro di Milazzo:
- ore 8:30-10:00, plesso Carrubaro: classi IV e V,
- ore 10:30-12:00, plesso Baronello: classi IV e V.
Possono rubarci il denaro, non la libertà e la gioia di incontrarci.

lunedì 20 marzo 2017

Incontro-spettacolo per 900 alunni al Palacultura di Messina

Mercoledì 22 marzo, dalle ore 10.00 alle ore 12.00, a Messina, presso il Palacultura Antonello da Messina, terrò un incontro-spettacolo per gli oltre 900 alunni provenienti da vari istituti di Messina: Pascoli-Crispi, Gravitelli-Paino, Boer-Verona Trento, Ritiro-Villa Lina, Manzoni-Dina e Clarenza, Santa Margherita, Salvo D’Acquisto. 
L’incontro è stato organizzato dalla sezione di Messina dell’AMMI (Associazione Mogli Medici Italiani), di cui è presidente l’avv. Francesca De Domenico Leonardi e sarà introdotto dal giornalista Massimiliano Cavaleri.

domenica 19 marzo 2017

Incontro per insegnanti e genitori a Bassano Romano (VT)

Domani, lunedì 20 marzo 2017, dalle ore 17.00 alle ore 19.00, presso il Monastero di San Vincenzo di Bassano Romano (VT), organizzato dall'Istituto Comprensivo di Bassano Romano (VT) terrò l'incontro
Quante storie, ragazzi!
Piccole grandi questioni su scrittura, letteratura e letture giovanili

Perché è importante scrivere? Perché è importante leggere? Come produrre un racconto o un testo narrativo che sia affascinante? Da dove partire? In questo incontro affronteremo le motivazioni e gli elementi fondamentali che sorreggono l’invenzione e la scrittura dei testi narrativi rivolti a giovani lettori. Con un’ottica operativa che consenta di individuare precisi stimoli per la propria attività didattica.

L'incontro è rivolto a genitori di alunni, e a chiunque sia interessato alla scrittura e alla letteratura per ragazzi, sia per professione (Insegnanti della Scuola dell’Infanzia, della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di I grado, Bibliotecari, Animatori alla lettura, Scrittori, Illustratori...) sia per diletto personale.

venerdì 17 marzo 2017

Incontri-spettacolo all'Istituto Comprensivo di Bassano Romano (VT)

Lunedì 20 marzo e martedì 21 marzo 2017 terrò quattro incontri-spettacolo per gli alunni dell'Istituto Comprensivo di Bassano Romano (VT) con il seguente calendario:
- lunedì 20 marzo, 9.00-10.30 + 10.30-12.00, Monastero di San Vincenzo, Bassano Romano (VT): incontro-spettacolo con gli alunni delle classi I, II, III della scuola primaria di Bassano Romano;
- martedì 21 marzo, 9.00-10.30 + 10.30-12.00, scuola primaria di Oriolo Romano: incontro-spettacolo con gli alunni delle classi I, II, III della scuola primaria di Oriolo Romano.

giovedì 16 marzo 2017

La disabilità raccontata ai bambini della scuola elementare di Muzzana del Turgnano (UD)

Continuano gli incontri su Il deserto fiorito e l'integrazione scolastica di alunni con disabilità neurologica promossi dall'Associazione Uniti per Crescere Onlus.
Venerdì 17 marzo 2017 alle ore 10.00 terrò un incontro presso la scuola elementare di Muzzana del Turgnano (UD).

mercoledì 15 marzo 2017

Incontro-spettacolo a Spresiano (TV)


Giovedì 16 marzo 2017, dalle ore 10:30 alle ore 12:00, presso la scuola primaria Italo Calvino, via Montello 32, Spresiano (TV) dell'Istituto Comprensivo di Spresiano (TV) terrò un incontro-spettacolo per le classi IVA, IVB, IVC, VA, VB, VC.

martedì 14 marzo 2017

Ancora un ultimo posto libero a La Magica Pennabambina - corso di tecniche di scrittura con Roald Dahl tra le righe a Venezia

Sabato 18 marzo 2017, dalle ore 10.00 alle ore 18.00 a Venezia, presso la prestigiosa sede della Fondazione Querini Stampalia, Palazzo Querini Stampalia (sede anche del Museo) in Campo Santa Maria Formosa, terrò LA MAGICA PENNABAMBINA - corso di tecniche di scrittura con Roald Dahl tra le righe organizzato dall'Associazione Culturale Teste Fiorite. Per informazioni: testefiorite@gmail.com

Scrivere un efficace testo per ragazzi o insegnare a scrivere in modo efficace ai propri alunni richiede conoscenze tecniche specifiche e la dimestichezza con esempi concreti di scrittura che possano fare da paradigma e indicarci la via. Ad esempio: come si inventa un racconto? Come si costruisce una trama che sia avvincente? Come scegliere il narratore più efficace? Come si caratterizzano i personaggi in modo che siano interessanti? Come dev’essere una descrizione per non annoiare? Come va costruito un buon dialogo? Con lo sguardo rivolto a un grande scrittore per ragazzi che sarà nostro compagno di viaggio - Roald Dahl - in questo corso saranno analizzati i processi e gli elementi fondamentali che sorreggono la scrittura di tutti i testi narrativi e, in particolare, di quelli rivolti a giovani lettori, per condurre i partecipanti ad una maggiore consapevolezza sulle modalità e sulle scelte più efficaci che si possono adottare e proporre. Con un’ottica operativa che consenta poi di applicare quanto appreso anche in un’attività didattica.

QUI gli altri workshop organizzati da Teste Fiorite per la primavera 2017.

lunedì 13 marzo 2017

Corso di aggiornamento per gli insegnanti dell'Istituto Comprensivo di Spresiano (TV)

Mercoledì 15, giovedì 16 e venerdì 17 marzo 2017, dalle ore 16.30 alle ore 19.30, presso la Scuola Secondaria di I Grado Emilio Lovarini, via Ugo Foscolo 4, Spresiano (TV) terrò per gli insegnanti dell'Istituto Comprensivo di Spresiano (TV) il corso di aggiornamento sulle tecniche di scrittura:
L'invenzione, la trama, il narratore, la descrizione, i personaggi, i dialoghi
Scrivere un efficace testo per ragazzi o insegnare a scrivere in modo efficace ai propri alunni richiede conoscenze tecniche specifiche. Ad esempio: come produrre un testo narrativo che sia affascinante? Da dove iniziare? Come si inventa una storia? Cos’è l’ispirazione? Come si vince la paura del foglio bianco? Come costruire una trama avvincente? Come va scelto il narratore? Come si caratterizzano i personaggi? Come dev’essere una descrizione per non annoiare? In questo breve corso saranno analizzati i processi e gli elementi fondamentali che sorreggono la scrittura di tutti i testi narrativi e, in particolare, di quelli rivolti a giovani lettori, per condurre i partecipanti ad una maggiore consapevolezza sulle modalità e sulle scelte che si possono adottare e proporre. Con un’ottica operativa che consenta di applicare quanto appreso anche in un’attività didattica.
I contenuti
- La letteratura per ragazzi: caratteristiche ed elementi particolari, precisazioni.
- Lo scrittore per ragazzi e i suoi possibili punti di vista.
- Il lettore.
- I lettori bambini.
- La scrittura: espressione e comunicazione.
- La penna bambina e il Dizionario adulto-bambino.
- L’invenzione: ispirazione e metodo.
- La trama e il suo movimento.
- La ‘misdirection’.
- Tecniche dell’invenzione fantastica.
- La comunicazione narrativa.
- La scelta del narratore.
- La descrizione è da saltare? Efficacia nella descrizione.
- I personaggi e la loro caratterizzazione.
- Tipologie discorsive.
- I dialoghi.
- Fiaba e favola.

domenica 12 marzo 2017

Incontri-spettacolo all'Istituto Comprensivo di Marostica (VI)

Domani, lunedì 13 marzo 2017, terrò tre incontri-spettacolo con gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Marostica (VI) che in particolare prenderanno spunto da Scrivila, la guerra, con il seguente programma:
> 8:15 – 9:45, presso la scuola primaria di Marostica (VI), via N. Dalle Laste: classi IV A, IVB, IVC, IVD della scuola primaria di Marostica.
> 10:00 – 11:30, presso la scuola primaria di Marostica (VI), via N. Dalle Laste: classe IV della scuola primaria di Marsan, classe IV della scuola primaria di Valle San Floriano, classe IV della scuola primaria di Vallonara, classe IV della scuola primaria di S.Luca, classe IV della scuola primaria di Pianezze.
> 14:00 – 15:30, presso la scuola primaria di Schiavon (VI), piazza Risorgimento, classe IV della scuola primaria di Schiavon.

giovedì 9 marzo 2017

Tutti a Iscol@ - Cagliari

L’Associazione Culturale Imago Mundi, nell’ambito del bando Tutti a Iscol@, Linea B1, per l’anno scolastico 2016-2017, è presente con una proposta inserita nel catalogo regionale dei progetti approvati. Il laboratorio dal titolo Le Parole della Bellezza (codice 10072) intende trasmettere ai partecipanti della Scuola Primaria la passione per il patrimonio artistico e culturale della città di Cagliari attraverso gli strumenti delle tecniche di scrittura e del teatro. Gli allievi acquisiranno nuove competenze e nuovi ed efficaci linguaggi espressivi, beneficiando delle possibilità offerte da un contesto di apprendimento non formale, in alternativa alla lezione frontale, con l’obiettivo di stimolare l’attenzione, le competenze critiche e la creatività anche di alunni a rischio dispersione scolastica. Il laboratorio prevede la partecipazione mia e di quella del Teatro dallarmadio.
Il laboratorio, a partecipazione gratuita per le scuole interessate, persegue la finalità didattica di avvicinare gli studenti alla scoperta del proprio territorio, dei suoi luoghi simbolo, dei suoi monumenti e tradizioni e di rendere gli studenti più consapevoli rispetto alle tecniche di comunicazione.
Il mio intervento prevede 24 ore di laboratorio di invenzione narrativa e di scrittura con le classi III della Scuola Primaria Su Planu di Selargius (CA).
Oggi giovedì 9 marzo e domani venerdì 10 marzo i miei primi laboratori presso la Scuola Primaria Su Planu di Selargius (CA) avranno gli orari 14.30-17.30.

martedì 7 marzo 2017

Il mio nuovo libro: Le Delizie e l'Unicorno

Luigi Dal Cin
illustrazioni di Pia Valentinis e Ignazio Fulghesu

Comunicato Stampa:

Una giornalista che confonde le Delizie Estensi con bontà culinarie, un gruppo di scatenati alunni in gita con la maestra, un losco figuro disposto a tutto pur di catturare un unicorno: imprevedibili equivoci e colpi di scena faranno incrociare le loro strade per un’avventura travolgente. Sullo sfondo le meraviglie di Ferrara e del suo paesaggio culturale, Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
Una nota, glamour (e golosa) giornalista americana che scrive articoli di gastronomia e che confonde le Delizie Estensi con prelibatezze da mangiare; un gruppo di scatenati alunni in gita che, insieme alla loro maestra, le svelano la verità e la invitano ad aggregarsi al loro percorso; un losco figuro che ha scoperto come la polvere di unicorno sia storicamente ritenuta un potente antidoto contro ogni veleno; due biechi scagnozzi disposti a tutto pur di ottenerla... L’unicorno, come l’aquila bianca, sono simboli araldici degli Estensi: una serie di malintesi faranno incrociare le strade di ogni personaggio per arrivare a conoscere, avventura dopo avventura, Ferrara, il paesaggio culturale estense e le sue Delizie, dichiarati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
Una divertente carambola di eventi ci accompagnerà alla scoperta della storia della Signoria Estense, del Castello di Ferrara, del Palazzo dei Diamanti e delle Delizie Estensi ancora esistenti, come Palazzo Schifanoia, la Delizia di Belriguardo, la Delizia del Verginese, la Delizia di Benvignante, Villa della Mensa, Palazzo Pio, il Castello della Mesola, e al racconto di quelle non più esistenti, come la Delizia delle Casette, La Delizia di Belvedere, la Delizia di Belfiore, la Delizia della Montagna di San Giorgio.
Un romanzo appassionante, grazie al quale i ragazzi potranno avvicinarsi alla conoscenza dei preziosi tesori di Ferrara e del paesaggio culturale estense divertendosi: accompagnati da informazioni diluite nel racconto e da splendide evocative illustrazioni, per creare un'atmosfera affettiva nuova attorno a grandi tesori troppo spesso presentati in maniera poco avvincente per il pubblico più giovane.

“La narrazione è stata, per questo libro, lo strumento cardine per poter raccontare la straordinaria ricchezza di Ferrara, del paesaggio culturale estense e delle sue Delizie, patrimonio dell’umanità UNESCO, e renderla in questo modo vicina ai ragazzi. Sono convinto, infatti, che al pubblico dei giovani lettori interessino prioritariamente intrecci narrativi che siano avvincenti, e che solo l’utilizzo di una convincente e ben strutturata narrazione consenta di trasmettere – con un coinvolgimento non solo intellettivo, ma anche emotivo – informazioni storiche, artistiche e culturali in modo davvero efficace. Si tratta, tra l’altro, di un’esperienza che per un ragazzo può essere straordinariamente intensa ed importante: credo infatti esista un diritto alla bellezza per ogni persona che si sta formando, da esercitarsi con forza sempre maggiore di fronte alle fantasie preconfezionate e stereotipate in cui siamo immersi. Così come credo sia importante che i nostri bambini possano abituarsi a giocare non solo con degli oggetti, ma anche con degli spazi, dei monumenti, dei musei”. Luigi Dal Cin

domenica 5 marzo 2017

A Soazza, Svizzera: Quante storie, ragazzi! Piccole grandi questioni su scrittura, letteratura e letture giovanili

Lunedì 6 marzo 2017 alle ore 20:00 presso la Sala del Centro Culturale di Soazza, in Svizzera, Cantone dei Grigioni, organizzato da leggere.GR - Media e Ragazzi Grigioni terrò l'incontro per insegnanti, genitori, educatori, bibliotecari:


Quante storie, ragazzi!
Piccole grandi questioni su scrittura, letteratura e letture giovanili

Perché è importante scrivere? Perché è importante leggere? Come produrre un racconto o un testo narrativo che sia affascinante? Da dove partire? In questo incontro affronteremo le motivazioni e gli elementi fondamentali che sorreggono l’invenzione e la scrittura dei testi narrativi rivolti a giovani lettori. Con un’ottica operativa che consenta di individuare precisi stimoli per la propria attività didattica.

Contenuti:

- La letteratura per ragazzi: caratteristiche ed elementi particolari, precisazioni.
- Lo scrittore per ragazzi e i suoi possibili punti di vista.
- Il lettore.
- I lettori bambini.
- La scrittura: espressione e comunicazione.
- La penna bambina e il Dizionario adulto-bambino.
- Perché scrivere?
- Perché leggere?

sabato 4 marzo 2017

Incontri-spettacolo in Svizzera, Cantone dei Grigioni

Lunedì 6, martedì 7 e mercoledì 8 marzo 2017 terrò 9 incontri-spettacolo in Svizzera, Cantone dei Grigioni, organizzati da leggere.GR - Media e Ragazzi Grigioni secondo il seguente calendario:


1° giorno
lunedì
06.03.2017
2° giorno
martedì
07.03.2017
3° giorno
Mercoledì
08.03.2017
3° giorno
Mercoledì 08.03.2017

Mattino

Mattino

Mattino

 

Orario
08:10 - 09:40
08:55 - 09:55
08:40 – 09:40

Gruppo
Mesocco-Soazza
4ª-5ª-6ª classe
Lostallo-Cama-
1ª-2ª-3ª-4ª classe
 Roveredo
4ª-5ª C, 4ª-5ª B, 6ª

Luogo
Mesocco:
Sala Spettacoli
Soazza:
Centro Culturale
Roveredo:
Sala Comunale







Orario
10:00-11:30
10:10 - 11:25
9:40-10:40
10:50 -11:50
Gruppo
Mesocco-Soazza S.B’no
1ª-2ª-3ª classe
Lostallo-Cama
3ª-4ª-5ª-6ª classe
Roveredo
1ª cl, 2ª -3ª C
Roveredo
4ª -5ª A, 2ª-3ª A, 2ª -3ª B
Luogo
Mesocco:
Sala Spettacoli
Soazza:
Centro Culturale
Roveredo:
Sala Comunale
Roveredo:
Sala Comunale






Pomeriggio

Pomeriggio



Orario
13:55- 15:15
13:55 – 15:15


Gruppo
Grono-Verdabbio-S.Vittore- Castaneda
4ª-5ª-6ª classe
Grono-Verdabbio-San Vittore-Castaneda
1ª-2ª-3ª classe


Luogo
Grono: Aula Magna
Grono: Aula Magna


giovedì 2 marzo 2017

La rabbia alla Mami Education

Domani, venerdì 3 marzo 2017, alle ore 10.00, in collaborazione con Ferrara Off, terrò un incontro-spettacolo con i bambini della Scuola dell'Infanzia Mami Education, corso Isonzo 129, Ferrara. L'incontro-spettacolo avrà come argomento il tema della rabbia e sarà il terzo di una serie di sei appuntamenti dedicati ai sentimenti.

mercoledì 1 marzo 2017

La disabilità raccontata ai ragazzi dell'Istituto Alberghiero di Abano (PD)

Continuano gli incontri su Il deserto fiorito e l'integrazione scolastica di alunni con disabilità neurologica promossi dall'Associazione Uniti per Crescere Onlus.
Domani giovedì 2 marzo 2017 terrò due incontri presso l'Istituto Statale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione "Pietro d'Abano", via Appia Monterosso 37/A, Abano (PD) con questi orari:
- 9.15 - 10.15: classe 1G
- 10.30 - 11.30: classe 1F


martedì 28 febbraio 2017

Il mio nuovo spettacolo, coprodotto dal Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara

Domattina: riunione plenaria per coordinare i lavori del mio nuovissimo spettacolo coprodotto dal Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara di cui curerò la regia e nel quale sarò anche attore. Che storie ragazzi! La scrittura e il teatro raccontati ai più giovani andrà in scena in prima assoluta l'8 maggio 2017, in due spettacoli alle ore 9.30 e alle ore 11.00, nell'ambito degli appuntamenti della Stagione 2016-2017 di Teatro Ragazzi del Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara.
Che storie, ragazzi! La scrittura e il teatro raccontati ai più giovani
Testo teatrale di Luigi Dal Cin
Regia: Luigi Dal Cin
Direzione Tecnica: Andrea Carletti
Fotografia e Luci: Lucia Baldini
Attori: Andrea Amaducci, Luigi Dal Cin

lunedì 27 febbraio 2017

L'invenzione narrativa a Cento (FE)

Mercoledì 1 marzo 2017, dalle ore 17.00 alle ore 19.00, nel Salone di rappresentanza della Cassa di Risparmio di Cento, corso Guercino 32, Cento (FE) terrò il seminario di formazione L'invenzione narrativa nell'ambito delle iniziative legate al Premio di Letteratura per Ragazzi 2017. Gli iscritti sono già più di 70, ma c'è ancora la possibilità di iscriversi presso la Fondazione Cassa di Risparmio di Cento.

venerdì 24 febbraio 2017

a Gigi # 46 - classi quinte della scuola primaria San Giuseppe di Cassola (VI) sullo spettacolo Raccontala, la guerra

Classe VA

Il libro sta andando a ruba, se lo scambiano continuamente. Alcuni senza vergogna, anche maschi, dicono: “Ho pianto, maestra… mi sono commosso…”.
“Va bene - dico io - va bene così… bisogna anche piangere…”.
“Luigi è una persona eccezionale… mitica…”.

Classe VB

Mi è piaciuto tanto quando è finita la guerra e che tutti andavano a festeggiare con i suoni delle campane che la guerra era finita. Non mi è piaciuta la parte del libro quando il bambino stava per morire di fame.

Alla fine, quando se ne sono andati i tedeschi tutti erano felici e se ne sono andati a ballare in piazza. Non mi è piaciuto quando non è arrivato lo zio Tonino e quando hanno fatto del male al bambino. Però il resto sì, era bella la storia.

Mi è piaciuto perché a scuola non avevamo mai parlato della guerra e di queste cose e mi ha fatto capire quello che è successo negli anni passati e cosa sta ancora succedendo in questi paesi.

All’inizio Gigi ha cominciato con CIAO BELLI, poi ha fatto delle scene che aveva bisogno di una penna. Dopo la storia mi ha commosso e la fine è stata bella.


Classe VC

Mi è piaciuto all’inizio quando Gigi scherzava e faceva delle battute. Poi è stato bello che ha deciso un argomento che mi ha toccato il cuore. Era strano che la mamma non fosse mai raffigurata, che non fosse mai in scena. È stata anche bella la misteriosa scomparsa dello zio Tonino.

Mi è piaciuto tanto che il fiòl è resistito tanto anche se non mangiava tutti i giorni e poi mi è piaciuto tanto il soldato che il bambino ha trovato sulla collina dietro l’angolo che ha dato anche a lui da mangiare il suo cibo. E poi mi è piaciuto quando gli altri soldati lo hanno nascosto dal comandante, che così lo chef gli dava da mangiare la minestra. Lo chef ha fatto cadere per terra del cibo, che così fiòl lo prese.

All’inizio era triste, alla fine bello. A me è piaciuto al 100%, ma è anche un po’ commovente, che fa riflettere.

Prima di tutto apriva molto il cuore a sentire tutte queste cose brutte che sono successe ed era molto emozionante perché la nonna e il bambino piccolo erano rimasti da soli e il bambino piccolo era fortunato perché tutte le volte incontrava questi soldati gentili che gli offrivano un po’ di cibo.

Classe VD

Ha parlato della guerra e mi ha fatto un po’ piangere. Mi è piaciuto molto.

Mi è piaciuto quando il papà di questo bambino è tornato a casa e di quando il ragazzo ha scritto sul diario come si scrive la guerra perché non è semplice scriverlo. È stata anche molto gentile la nonna con questo bambino perché l’ha aiutato e, ultima cosa, mi è piaciuto anche quando il cuoco e i soldati che erano là per prendere da mangiare lo avevano nascosto per prendere del cibo, sennò moriva di fame, ed è stato molto bello.

Mi ricordo quando gli uomini tedeschi sono entrati nella casa del bambino e della nonna e che sono corsi in camera a piangere. Poi mi ricordo quando sono andati dal nonno che ha fatto la polenta con i vermi e il bambino l’ha mangiata e gli è piaciuta. Poi mi ricordo che si sono riuniti in paese perché era finita la guerra. Erano arrivati la mamma del bambino e che poi il bambino non voleva fare la guerra perché non era bella e da grande non voleva fare come il suo papà.

Parlava della guerra, prima di tutto. Era anche bello come aveva scritto, le parole. È un libro che non vorresti mai smettere di leggere. Anche se parlava della guerra la prima volta che lo ascolti ti pare un po’ noioso, ma dopo inizi ad ascoltare e non vorresti mai che finisse.

martedì 21 febbraio 2017

Le Parole della Bellezza 2017

Per il progetto Le Parole della Bellezza nell'ambito delle iniziative speciali legate alla XXI edizione 2017 di Monumenti Aperti, terrò a Cagliari due corsi di tecniche di invenzione e di scrittura con il seguente calendario:
- venerdì 24 febbraio 2017, dalle ore 8.30 alle ore 13.30: classi IV A e IV del Liceo Classico e IIIE del Liceo Europeo del Convitto Nazionale Vittorio Emanuele, Auditorium, via Pintus, Cagliari
- sabato 25 febbraio 2017, dalle ore 9.00 alle ore 13.00: insegnanti del Liceo Classico e Liceo Europeo del Convitto Nazionale Vittorio Emanuele, insegnanti del Liceo Scientifico Pacinotti, del Liceo Artistico Fois, del Liceo Classico Dettori, del Liceo Classico Siotto, del ITE Martini, del IPSS Pertini, Auditorium, via Pintus, Cagliari


Dal 2014 l’Associazione Culturale Imago Mundi Onlus ha commissionato un progetto speciale di scrittura e narrazione del patrimonio culturale Le parole della bellezza, dedicato agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado, ideato dallo scrittore  Luigi Dal Cin, autore di oltre 100 libri per ragazzi tradotti in 10 lingue diverse e Premio Andersen 2013. Il progetto nasce per evidenziare il valore artistico, storico e culturale dei monumenti delle realtà urbane in cui viviamo, utilizzando la potenza della narrazione.

“L’incontro tra la modernità massmediatica e la narrazione orale – dice Dal Cin – è avvenuto da tempo in Italia, e sembra aver messo in crisi quest’ultima. È come se ci stessimo privando di una facoltà che sembrava inalienabile: la capacità di scambiare esperienze. Dare valore alla narrazione significa invece tornare alla ricostruzione paziente della coscienza storica, alla comunicazione interpersonale – anche tra generazioni differenti – di esperienze significative, all’ascolto dell’altro; per promuovere una reale identità narrante, slegando dal produttivismo economico il valore delle persone e delle esperienze. Si tratta in fondo di saper dare voce all’universale profondo desiderio di narrare: riportare innanzitutto delle storie, e farle lievitare dal gusto del racconto, dalla volontà di comunicare sé stessi ad un altra persona, avvicinando così identità diverse”.

Dal Cin ha lavorato nelle classi delle Scuole Primarie e Secondarie della Sardegna e del Piemonte, e con gli alunni e gli insegnanti ha aperto il suo “tesoro”, svelando i segreti dello scrittore: innanzitutto l’osservazione.

“Perché i ragazzi possano ‘appropriarsi’ del monumento e del luogo – racconta Dal Cin – è importante aiutarli ad osservare, a ‘rubare con gli occhi’ quei particolari preziosi che possono fare da spunto per la narrazione e, più in generale, a guidarli nella conoscenza del monumento e del luogo utilizzando tutti i sensi”.

“Abbiamo voluto realizzare un progetto – racconta Dal Cin – che avvicinasse gli alunni ai tesori della loro città e del loro terriotrio utilizzando uno strumento nuovo per l’arte, la storia e i musei, ma ben frequentato da bambini e ragazzi; uno strumento potentissimo: la narrazione. Ho ideato, così, delle trame narrative che poi ho messo in mano ad alunni e insegnanti perché le completassero con la sensibilità di ciascuno: abbiamo in questo modo realizzato dei racconti, dedicati ai tesori storico-artistici-culturali della città e del suo territorio, con una vera struttura narrativa e dei veri personaggi. Sono infatti convinto che al pubblico dei bambini e dei ragazzi interessino prioritariamente intrecci narrativi avvincenti, e che solo l’utilizzo di una sapiente narrazione consenta di trasmettere – con un coinvolgimento non solo intellettivo, ma anche emotivo – informazioni storiche, artistiche e culturali. Nei testi cosiddetti di ‘divulgazione per ragazzi’ spesso, invece, le informazioni sono presentate senza alcun fascino narrativo, senza una vera storia. La sfida per avvicinare i ragazzi ad un qualsiasi contenuto credo stia invece proprio nel saper costruire una vera avventura capace di creare fascino e, in fondo, di farli divertire. È questo, credo, il modo giusto per far passare le informazioni ai ragazzi: inserirle in un contesto narrativo solido, che non sia un ingannevole pretesto usato solo per ‘insegnare’. Abbiamo così creato personaggi caratterizzati, fortemente riconoscibili, e una vera avventura con un inizio, dei veri colpi di scena, un vero finale: una vera narrazione, insomma”.

Una narrazione divertente grazie alla quale i bambini e i ragazzi si sono potuti avvicinare a vari livelli alla conoscenza della città e del territorio, accompagnati da informazioni diluite nel racconto e da una trama e un linguaggio capaci di creare un’atmosfera nuova attorno a tesori che, a volte, sono descritti in modo poco accattivante per il pubblico giovane.

“Alla fine, la vera motivazione per questa ‘audace impresa’ credo sia l’amore che provo per la bellezza e la cultura: i racconti che abbiamo scritto insieme sono un invito per tutti, adulti e bambini, a viverla intensamente. Penso infatti esista, in ogni percorso educativo, un diritto alla bellezza, da esercitarsi con forza sempre maggiore di fronte alle fantasie preconfezionate e stereotipate in cui siamo immersi. Per la città e il suo territorio saper fornire questi strumenti alle famiglie credo sia strategico perché i nostri ragazzi frequentino la bellezza e la cultura. Sento che in questo progetto abbiamo realizzato, tutti insieme, proprio questa magia”.

Grazie al progetto sono stati realizzati oltre dieci racconti originali, scritti da Luigi Dal Cin con i bambini delle scuole coinvolte.
Alcuni racconti scritti dai bambini sono stati anche messi in scena grazie alla regia dell’attore e regista Fabio Marceddu e del musicista Antonello Murgia del Teatrodallarmadio.


“Le parole della Bellezza” è diventato anche un video propedeutico in cui Luigi Dal Cin ci svela i segreti per scrivere efficacemente il racconto di un monumento