venerdì 28 aprile 2017

Incontri nelle scuole di Trani a conclusione del Laboratorio di scrittura condivisa: SOTTO LO STESSO CIELO

Oggi, venerdì 28 aprile 2017 terrò quattro incontri con ciascuna delle classi IV dei quattro Istituti Comprensivi di Trani, a conclusione del Laboratorio di scrittura condivisa Sotto lo stesso cielo, evento promosso nell'ambito della XV edizione del festival I Dialoghi di Trani, per la sezione Dialokids:
LABORATORIO DI SCRITTURA CONDIVISA: SOTTO LO STESSO CIELO
a cura di Luigi Dal CinVincenzo Covelli e Andrea Moselli
Le nostre vite, e quelle dei nostri ragazzi, si svolgono in contesti sociali caratterizzati da monumenti che fanno riferimento a differenti confessioni religiose. Considerando tale sfondo ci proponiamo di contribuire, attraverso gesti semplici e ordinari come la visita, l'incontro personale, la narrazione, alla valorizzazione culturale e al dialogo con le comunità religiose esistenti nella città di Trani: Cattolica, Ortodossa, Ebraica e Musulmana. Muniti di taccuino, penna e macchina fotografica, in compagnia di una guida turistica che ci aiuterà ad inquadrare luoghi e storia e di uno scrittore di libri per ragazzi che ci aiuterà a raccontare in modo avvincente le nostre scoperte e le nostre emozioni, faremo un viaggio-esplorazione nei luoghi di culto che ci saranno raccontati da testimoni diretti appartenenti alle diverse confessioni religiose.
Lo scopo è promuovere il dialogo e attivare percorsi di cittadinanza attiva a partire dalle differenti componenti multireligiose e multietniche di Trani, per raccontare le proprie scoperte e le proprie emozioni in un Diario di Viaggio da condividere con l'intera città.

giovedì 27 aprile 2017

mercoledì 26 aprile 2017

Trani: weekend di scrittura per ragazzi con Luigi Dal Cin

Su TraniLive un articolo sul prossimo corso di tecniche di scrittura:
Weekend di scrittura per ragazzi con Luigi Dal Cin
Il corso è rivolto a chiunque sia interessato alla scrittura e alla letteratura per ragazzi sia per professione che per diletto.
Come si inventa una storia? Cos’è l’ispirazione? Come si vince la paura del foglio bianco? Come costruire una trama avvincente? Come va scelto il narratore? Come si caratterizzano i personaggi? Sono domande che si ci pone quando ci si accinge a scrivere un testo per ragazzi o a insegnare a scrivere in modo efficace ai propri alunni.
A rispondere a tutte queste domande e ad analizzare i processi e gli elementi fondamentali che sorreggono la scrittura di tutti i testi narrativi ci penserà Luigi Dal Cin nel suo corso di tecniche di invenzione e scrittura “Scrivere per ragazzi” che si terrà il 28, 29 e 30 aprile presso il Polo Museale.
Polo Museale
Luigi Dal Cin è un maestro d’eccezione. Ha, infatti, pubblicato oltre 100 libri di narrativa per ragazzi, tradotti in dieci lingue, ha ricevuto decine di premi, tra cui il Premio Andersen 2013 come autore del miglior libro 6/9 anni. Inoltre è docente di corsi di scrittura e scrittore di teatro, dove recita con l’attrice Lella Costa.
In particolare, il corso è rivolto a chiunque sia interessato alla scrittura e alla letteratura per ragazzi sia per professione che per diletto. 15 ore di corso in cui si condurrà i partecipanti ad una maggiore consapevolezza sulle modalità e scelte che si possono adottar e proporre. Le ore saranno così suddivise: Venerdì 28 aprile dalle ore 15:30 alle ore 20 – Sabato 29 aprile dalle ore 15:30 alle ore 20 – Domenica 30 aprile dalle ore 9:30 alle ore 12:30 e dalle ore 16 alle ore 19.
Un viaggio tra la letteratura per ragazzi e le sue caratteristiche, i suoi personaggi e i suoi lettori.
Chiunque fosse interessato può rivolgersi alla Libreria Miranfù.

lunedì 24 aprile 2017

Che storie, ragazzi! Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara, 8 maggio 2017: Comunicato Stampa

Ecco il comunicato stampa del mio nuovo spettacolo coprodotto dal Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara di cui ho curato il testo, la regia e che mi vedrà sul palco. Che storie ragazzi! La scrittura e il teatro raccontati ai più giovani andrà in scena in prima assoluta l'8 maggio 2017, in due spettacoli alle ore 9.30 e alle ore 11.00, nell'ambito degli appuntamenti per le scuole della Stagione 2016-2017 di Teatro Ragazzi del Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara.

DEBUTTA AL COMUNALE DI FERRARA LUNEDI’ 8 MAGGIO
CHE STORIE, RAGAZZI!
UNO SPETTACOLO PER SCOPRIRE
I SEGRETI DEL TEATRO

Uno scrittore, un alunno, una storia da scrivere, lo spazio teatrale. Lo scrittore racconta all’alunno l’ispirazione e i suoi segreti per immergere il pubblico nell’esperienza del processo di ideazione di un racconto. L’alunno lo segue all’inizio con fare dispettoso, poi si rende complice dell’ideazione narrativa e infine assume il ruolo stesso di personaggio della storia. Ed ecco che allora si scatena la trama: il personaggio sperimenta tutte le possibili meraviglie tecniche della macchina teatrale, in un crescendo senza fiato di funamboliche sorprese che spostano la scena dell'azione in mezzo al pubblico, e il pubblico sul palco. Per coinvolgere in modo emotivo i giovani spettatori e farli così sentire sulla scena, partecipi e vicini al luogo del teatro che si scopre, alla fine, essere molto vicino al luogo della vita.


Debutta lunedì 8 maggio al Teatro Comunale di Ferrara, con repliche alle ore 9:30 e alle 11:00, lo spettacolo di Luigi Dal Cin Che storie, ragazzi!.

Lo spettacolo, coprodotto dal Teatro Comunale di Ferrara, fa parte della rassegna Teatro Ragazzi 2016/2017, rivolta agli studenti delle scuole materne e primarie del territorio, ed è il risultato di un particolarissimo progetto che ha visto impegnati, per la prima volta insieme, Luigi Dal Cin, regista e attore - oltre che autore di libri per ragazzi apprezzati in Italia e all’estero - il performer Andrea Amaducci e i tecnici del Teatro Comunale di Ferrara coordinati da Andrea Carletti.

“Questo spettacolo – racconta Dal Cin, autore del testo teatrale – è nato, come spesso accade nelle attività creative, da un incontro casuale. Andrea Carletti, direttore tecnico del Teatro Comunale di Ferrara, mi manifestava il desiderio di vedere protagonista di uno spettacolo la macchina teatrale stessa: fatta di spazi, luci, botole, tiranti, passaggi, sottopalchi, sipari, scene, corde, carrucole... di cui mi raccontava i segreti e le potenzialità. Su quest'idea ho voluto costruire il testo teatrale che racconta di uno scrittore alle prese con l'invenzione narrativa e di un suo alunno che all’inizio lo segue con diffidenza poi ne diviene complice sino ad assumere il ruolo di personaggio del racconto. La figura dell'alunno/personaggio è affidata all'interpretazione di Andrea Amaducci che, con le sue particolari abilità funamboliche, riesce a giocare – anzi: di più – a sfidare i meccanismi della macchina teatrale in modo spettacolare. Sui temi dello svelamento al pubblico sia dell'invenzione narrativa che dei segreti della macchina teatrale, si innesca il desiderio di far percepire ai ragazzi che assistono allo spettacolo l'ambiente teatrale come luogo vicino alla loro vita e spazio immaginativo possibile per ciascuno di loro. Per questo, durante tutto lo spettacolo, la scena dell'azione degli attori si sposterà continuamente in mezzo al pubblico, e il pubblico si troverà all'improvviso protagonista sulla scena tramite un evento a sorpresa che sarà costruito dall'arte fotografica di Lucia Baldini”.
Per informazioni e prenotazioni: dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 12:00 (Monica Fiocchi teatroragazzi.teatro@comune.fe.it) tel. 0532-218311.

Regia: Luigi Dal Cin
con Andrea Amaducci, Luigi Dal Cin
Testo teatrale: Luigi Dal Cin
Direzione Tecnica: Andrea Carletti
Fotografia e Luci: Lucia Baldini
Costumi: Maria Ziosi


venerdì 21 aprile 2017

prosegue Tutti a Iscol@ - Cagliari

L’Associazione Culturale Imago Mundi, nell’ambito del bando Tutti a Iscol@, Linea B1, per l’anno scolastico 2016-2017, è presente con una proposta inserita nel catalogo regionale dei progetti approvati. Il laboratorio dal titolo Le Parole della Bellezza (codice 10072) intende trasmettere ai partecipanti della Scuola Primaria la passione per il patrimonio artistico e culturale della città di Cagliari attraverso gli strumenti delle tecniche di scrittura e del teatro. Gli allievi acquisiranno nuove competenze e nuovi ed efficaci linguaggi espressivi, beneficiando delle possibilità offerte da un contesto di apprendimento non formale, in alternativa alla lezione frontale, con l’obiettivo di stimolare l’attenzione, le competenze critiche e la creatività anche di alunni a rischio dispersione scolastica. Il laboratorio prevede la partecipazione mia e di quella del Teatro dallarmadio.
Il laboratorio, a partecipazione gratuita per le scuole interessate, persegue la finalità didattica di avvicinare gli studenti alla scoperta del proprio territorio, dei suoi luoghi simbolo, dei suoi monumenti e tradizioni e di rendere gli studenti più consapevoli rispetto alle tecniche di comunicazione.
Il mio intervento prevede 24 ore di laboratorio di invenzione narrativa e di scrittura con le classi III della Scuola Primaria Su Planu di Selargius (CA).
Lunedì 24 aprile, dalle ore 14.30 alle 17.30, continuerò i miei laboratori presso la Scuola Primaria Su Planu di Selargius (CA).

giovedì 20 aprile 2017

Tempo di Libri, presentazione

Venerdì 21 aprile 2017, oltre allo spettacolo La grande e piccola guerra che terrò dalle ore 11:30 alle ore 12:30 nell'ambito degli eventi di Tempo di Libri Milano Padiglione 4 Lab. Elephant, dalle ore 15:00 alle ore 16:00, allo stand della Regione Veneto, presenterò Scrivila, la guerra.
Fiera Milano-Rho, Padiglione 4, Q12-S11.


mercoledì 19 aprile 2017

un mio articolo su Andersen, mensile di letteratura e illustrazione per il mondo dell'infanzia

Un mio articolo dal titolo La Staffetta di Scrittura su Andersen numero 340 - marzo 2017.

La Staffetta di Scrittura

Dal 2004 Bimed organizza un progetto di scrittura collettiva capace di coinvolgere, partendo da incipit d’autore, oltre settecento classi in giro per l’Italia.

di Luigi Dal Cin

Prendete l’Italia, tutta intera… fatto? Prendete ora la scuola italiana… fatto? Prendete le scuole italiane di ogni ordine e grado che lavorano nel sud, nel centro, nel nord Italia: ciascuna con le proprie peculiari caratteristiche, ciascuna con il proprio percorso… fatto? Prendete, nell’anno scolastico 2015-2016, settecentoventi classi di queste scuole: ciascuna con le proprie peculiari caratteristiche, ciascuna con il proprio percorso… fatto? Prendete – insieme ai loro docenti – diciassettemila alunni circa: ciascuno con le proprie peculiari caratteristiche, ciascuno con il proprio percorso… fatto? Prendete un manipolo di scrittori, di tutor e di coordinatori… fatto? Ecco: mescolate con cura… con grande cura, eh! Fatto? Ora servite tutto sullo stesso piano, quello della condivisione, e farcitelo con un obiettivo comune: quello dell’invenzione narrativa e della scrittura… fatto?
Fatto: è la Staffetta di Scrittura che dal 2004 viene realizzata nelle scuole di tutta Italia da Bimed – Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo – associazione di enti locali, con sede a Salerno, nata nel 1997 da un progetto sperimentale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, in accordo con il Ministero della Pubblica Istruzione, ideato per rendere cultura ed educazione scolastica occasioni di crescita del meridione italiano.
Dunque, si fa così: uno scrittore scrive un incipit-stimolo che viene inviato agli alunni di una classe e all’insegnante con il compito, insieme al tutor che seguirà l’intero percorso, di dare vita al primo capitolo. Questo primo capitolo passerà subito dopo a un’altra classe di una scuola di un’altra zona d’Italia (ma anche all’estero) che sia lontana dal contesto geografico e culturale della classe precedente, e così di seguito sino all’ultima classe, la decima, che dovrà scrivere l’ultimo capitolo. Seguirà l’editing finale e la pubblicazione definitiva dell’intero racconto che sarà consegnata a ciascun alunno partecipante.
Su tutto poi immaginate di spolverare i grandi momenti di incontro d’inizio e fine percorso in luoghi come – quest’anno scolastico – Salerno, Torino, il Cilento, Moncalieri, le Isole Tremiti…
Alla fine, allora: quale bontà si svela? Quale sapore si risveglia? Quale profumo si spande?
Il gusto dell’incontro, innanzitutto: incontro con alunni e docenti lontani dal proprio contesto geografico e culturale, ma anche incontro tra gli alunni della stessa classe. Per poter scrivere il proprio capitolo, infatti, è fondamentale che alunni e insegnanti leggano e si immedesimino nel capitolo scritto dalla classe precedente, sperimentando così emozioni e idee nate in un contesto lontano dal proprio: un esercizio concreto che insegna a prendere il punto di vista dell’altro. Si scopre così un comune partecipe sentire, pur nella diversità degli ambienti culturali che, nella narrazione, si manifestano in diversità di paesaggi, di situazioni climatiche, di abitudini di vita. La Staffetta di Scrittura offre in questo modo una possibilità di dialogo con l’altro in condizioni di evidente diversità senza che però avvenga alcuno scontro, perché lo scopo comune è quello di costruire insieme un racconto che funzioni complessivamente e che complessivamente crei fascino in chi leggerà. Con tale comune obiettivo, saranno spesso proprio gli elementi di diversità a diventare fonti di ricchezza per il racconto, oltre che occasioni per mettere in discussione il proprio mondo. Ma poi, per poter scrivere il capitolo che è stato loro affidato, gli alunni devono incontrarsi anche all’interno della propria classe affrontando una narrazione a più voci che deve necessariamente prevedere una disponibilità ai contributi di ciascuno, per arrivare a una sintesi collettiva, condivisa e concordata. Ci si educa così all’ascolto, all’alterità, alla reciprocità, al decentramento dei punti di vista, al rispetto, alle modalità di decisione democratica: attraverso il gioco della narrazione e della scrittura. E alla fine del lavoro sul proprio capitolo, ogni gruppo di alunni, nell’inviare il testo alla classe successiva, invita generosamente dei coetanei sconosciuti che abitano in un luogo lontano a entrare nel proprio mondo, a interagire con la propria storia, fidandosi della loro capacità creativa di portare avanti il testimone della narrazione senza farlo cadere.
Ma il gusto dell’incontro è un aspetto tangibile anche nei grandi momenti collettivi di inizio e fine staffetta quando ci si conosce, ci si rincontra, ci si riconosce: ci si sente parte tutti di un’unica grande famiglia, insieme allo staff salernitano e ad Andrea Iovino, il pater della Staffetta. Alla fine ci si abbraccia, anche: come buoni compagni di viaggio che si conoscono bene perché hanno compiuto un bel pezzo di strada insieme. Di più: che hanno saputo comprendere e vivere il punto di vista dell’altro.
C’è poi, in tutto questo, il gusto della narrazione e della scrittura: il rapporto con le parole e con quell’arte del racconto che appartiene all’intera umanità, dunque ad ogni popolo, dunque ad ogni cultura. La narrazione e la scrittura nella Staffetta diventano una reale occasione di comunicazione e di condivisione. E, forse, questo percorso porta alunni e docenti a una maggiore consapevolezza sul fatto che, per narrare e scrivere bene, è necessario leggere molto e leggere buoni libri, molto esercitarsi, essere dubbiosi, provare e riprovare, seguire molteplici strade narrative per ritornare al punto di partenza e cercarne, instancabili, di nuove ancor più imprevedibili e convincenti, diventare sempre più curiosi delle tecniche di scrittura.
Al termine del percorso si spande allora il profumo felice della soddisfazione nel vedere il proprio capitolo parte vitale della pubblicazione finale, in cui ciascuno ha cercato di dare il meglio di sé: pubblicazione da prendere in mano, sfogliare, mostrare con orgoglio, conservare.
“Ma allora anche tu quest’anno hai fatto la Staffetta!”, “Non ci vedevamo dall’incontro a Salerno dell’anno scorso, ricordi?”, “Fortuna che c’è la scrittura!”, “Fortuna che ci siamo incontrati!”, “Il tuo incipit quest’anno chi l’ha scritto?”, “La mia classe si è appassionata: non credevo, sai?”, “Anche la mia collega si è appassionata: non credevo, sai?”, “Mi puoi dare la tua email?”, “Ci vediamo alle Tremiti? Ce la farai a portare la tua classe anche quest’anno?”.
E per finire? Per finire: sempre ‘na tazzulella ‘e cafè al bar, gustata con intensa soddisfazione, come rito di incontro e di condivisione, come occasione per narrare sempre qualche piccola storia che vale la pena ascoltare. Come per fortuna ancora accade.


martedì 18 aprile 2017

domenica 16 aprile 2017

Che storie, ragazzi! al Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara, 8 maggio 2017


Proseguono le prove del mio nuovo spettacolo coprodotto dal Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara di cui ho curato il testo, la regia e nel quale sarò anche attore. Che storie ragazzi! La scrittura e il teatro raccontati ai più giovani andrà in scena in prima assoluta l'8 maggio 2017, in due spettacoli alle ore 9.30 e alle ore 11.00, nell'ambito degli appuntamenti per le scuole della Stagione 2016-2017 di Teatro Ragazzi del Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara.

Che storie, ragazzi!
La scrittura e il teatro raccontati ai più giovani

Uno scrittore, un alunno, una storia da scrivere, lo spazio teatrale. Lo scrittore racconta all’alunno l’ispirazione e i suoi segreti per immergere il pubblico nell’esperienza del processo di ideazione di un racconto. L’alunno lo segue all’inizio con fare dispettoso, poi si rende complice dell’ideazione narrativa e infine assume il ruolo stesso di personaggio della storia. Ed ecco che allora si scatena la trama: il personaggio sperimenta tutte le possibili meraviglie tecniche della macchina teatrale, in un crescendo senza fiato di funamboliche sorprese che spostano la scena dell'azione in mezzo al pubblico, e il pubblico sul palco. Per coinvolgere in modo emotivo i giovani spettatori e farli così sentire sulla scena, vicini e partecipi al luogo del teatro che si scopre, alla fine, essere molto vicino al luogo della vita.

Regia: Luigi Dal Cin
con Andrea Amaducci, Luigi Dal Cin
Testo teatrale: Luigi Dal Cin
Direzione Tecnica: Andrea Carletti
Fotografia e Luci: Lucia Baldini
Costumi: Maria Ziosi

per informazioni e prenotazioni: Monica Fiocchi teatroragazzi.teatro@comune.fe.it tel. 0532 218311



venerdì 14 aprile 2017

Luigi Dal Cin mattatore di fronte a 900 scolari

Un articolo su MessinaOra.it racconta l'incontro-spettacolo che ho tenuto mercoledì 22 marzo al Palacultura di Messina.
Mattatore di fronte a oltre 900 scolari: Luigi Dal Cin protagonista di una mattinata “brillante” per molti istituti comprensivi di Messina che hanno partecipato in numero considerevole all’evento promosso al Palacultura dalla sezione di Messina dell’AMMI (Associazione Mogli Medici Italiani), presieduta dall’avv. Francesca De Domenico Leonardi. Dal Cin, “ferrarese come Michelangelo Antonioni”… dice lui stesso sorridendo orgoglioso, non si è risparmiato sul palco, raccontando come ha iniziato la carriera di scrittore per ragazzi, pur non essendo una cima in italiano, di come scrive e poi corregge i suoi libri (ne ha pubblicati oltre 100, tradotti in dieci lingue e distribuiti in tanti paesi): aneddoti ironici, favole, storie di vita, episodi dell’affascinante mondo dell’infanzia in cui i tanti spettatori si sono ritrovati, interagendo con l’ospite. Un vero “one man show” capace di coinvolgere gli scolari, abbracciandoli, scherzando con loro, facendoli divertire ma soprattutto riflettere sull’importanza dello studio, della cultura, della lettura; insegnando loro come superare con ottimismo ed entusiasmo le  difficoltà che si incontrano quotidianamente nella vita. Una giornata diversa, che ha sorpreso anche genitori e insegnanti, trasmettendo loro un sano messaggio di nuova comunicazione col mondo dei più piccoli. All’evento, presentato dal giornalista Massimiliano Cavaleri, e che si è concluso con la consegna di una targa ricordo a Dal Cin da parte del consiglio direttivo dell’AMMI, hanno partecipato varie istituti comprensivi: Pascoli Crispi (dirigente Giuseppa Prestipino), Gravitelli-Paino (Concetta Quattrocchi), Boer-Verona Trento (Antonio Sabato), Ritiro-Villa Lina (Giovanna De Francesco), Manzoni – Dina e Clarenza (Rosalia Schirò), Santa Margherita (Laura Tringali), Salvo D’Acquisto (Pietro Ruggeri) e Minissale-Leopardi (Maria Rosaria Sgrò).

mercoledì 12 aprile 2017

Seminario sulla scrittura all'Università di Bologna

Oggi, mercoledì 12 aprile 2017, dalle ore 10.30 alle ore 14.30, presso la SCUOLA DI PSICOLOGIA E SCIENZE DELLA FORMAZIONE dell'Università degli Studi di Bologna, Centro Cestriell - Centro Studi e Ricerche sull'Educazione e il Lifelong Learning, Dipartimento di Scienze dell'Educazione, terrò il seminario La scrittura come strumento di auto-conoscenza e riflessività, introduce e coordina Manuela Gallerani, Docente di Teorie e modelli dell’educazione permanente dell'Università degli Studi di Bologna.

martedì 11 aprile 2017

Corso di tecniche di invenzione e di scrittura a Trani (BT)

Venerdì 28, sabato 29 e domenica 30 aprile 2017 terrò a Trani (BT) un corso di tecniche di invenzione e scrittura della durata di 15 ore organizzato dalla libreria Miranfù con i seguenti orari: venerdì 28 aprile dalle ore 15:30 alle ore 20:00, sabato 29 aprile dalle ore 15:30 alle ore 20:00, domenica 30 aprile dalle ore 9:30 alle ore 12:30 e dalle ore 16:00 alle ore 19:00.

Corso di Tecniche di Invenzione e di Scrittura

Scrivere per Ragazzi

Scrivere un efficace testo per ragazzi o insegnare a scrivere in modo efficace ai propri alunni richiede conoscenze tecniche specifiche. Ad esempio: come produrre un testo narrativo che sia affascinante? Da dove iniziare? Come si inventa una storia? Cos’è l’ispirazione? Come si vince la paura del foglio bianco? Come costruire una trama avvincente? Come va scelto il narratore? Come si caratterizzano i personaggi? Come dev’essere una descrizione per non annoiare? In questo corso saranno analizzati i processi e gli elementi fondamentali che sorreggono la scrittura di tutti i testi narrativi e, in particolare, di quelli rivolti a giovani lettori, per condurre i partecipanti ad una maggiore consapevolezza sulle modalità e sulle scelte che si possono adottare e proporre. Con un’ottica operativa che consenta di applicare quanto appreso anche in un’attività didattica.

I contenuti

- La letteratura per ragazzi: caratteristiche ed elementi particolari, precisazioni.
- Lo scrittore i suoi possibili punti di vista.
- Il lettore.
- Un lettore particolare: il lettore bambino.
- La scrittura: espressione e comunicazione.
- I diversi tipi di testo: narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo.
- L’invenzione narrativa: l’ispirazione.
- L’invenzione narrativa: il metodo.
- Le fasi dell’invenzione narrativa: ispirazione, proliferazione, selezione, conservazione, reincrocio.
- La trama e il suo movimento.
- La trama: l’informazione e l’incertezza.
- La trama: la ripetizione e la variazione.
- La trama: la prevedibilità e l’imprevedibilità.
- La ‘misdirection’.
- Le regole del ‘colpo di scena’.
- Tecniche dell’invenzione fantastica.
- La ‘sospensione temporanea dell’incredulità’.
- La comunicazione narrativa.
- L’autore implicito.
- Il lettore implicito.
- La scelta del narratore.
- Narrare in prima persona.
- Narrare in terza persona.
- Il narratore onniscente.
- La descrizione è da saltare? Efficacia nella descrizione.
- Modelli descrittivi nella letteratura dal 1800 ai giorni nostri.
- I personaggi.
- Le caratterizzazioni dei personaggi.
- Le tipologie discorsive.
- Le forme libere.
- I dialoghi.
- Le voci dei personaggi.
- I movimenti nel dialogo.
- Fiaba e favola.
- L’editing.
- L’editing di un testo narrativo.
- Il testo nel libro illustrato.
- L’editoria in Italia.
- I concorsi letterari.

L’attenzione alla didattica

Durante il corso sono previsti espliciti consigli per l’applicazione diretta delle tecniche di scrittura creativa nelle attività didattiche con i ragazzi.

lunedì 10 aprile 2017

Quinta edizione di Girolibrando – Leggiamo Viaggiando a Novi Ligure (AL)

Per la quarta edizione di “Girolibrando – Leggiamo Viaggiando” il progetto di promozione del libro e della lettura ideato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Novi Ligure e dalla Biblioteca Civica nell’ambito di Nati per Leggere e in collaborazione con l’Associazione Culturale Librialsole, domani, martedì 11 aprile 2017 terrò due incontri-spettacolo presso la Biblioteca Civica di Novi Ligure, via G. Marconi 66:
- ore 9:00-10:00: alunni delle scuole dell'infanzia Garibaldi di Novi Ligure,
- ore 10:15-11:45: alunni delle classi IIA, IIB, IIC, IID della scuola primaria Pascoli di Novi Ligure.

Nel pomeriggio, dalle ore 14:45 alle ore 17:45, sempre presso la Biblioteca Civica, terrò un seminario di formazione per insegnanti, bibliotecari e operatori culturali dal titolo:
Tecniche di invenzione narrativa
Inventare una storia in modo efficace e insegnare ad inventare una storia ai propri alunni in modo efficace richiede conoscenze tecniche specifiche. Ad esempio: da dove iniziare? Come si inventa una storia? Cos’è l’ispirazione? È possibile coltivarla? Come si vince la paura dell’inizio? Come aiutare un alunno che dice: “Non so cosa inventarmi”? Come si costruisce una trama avvincente? E perché è importante narrare e insegnare a narrare? In questo seminario saranno analizzati i processi e gli elementi fondamentali che sorreggono l’invenzione di ogni trama narrativa, per condurre i partecipanti ad una maggiore consapevolezza sulle modalità che si possono adottare e proporre. Con un’ottica operativa che consenta di applicare quanto appreso anche in un’attività didattica.

domenica 9 aprile 2017

Il disgusto alla Mami Education

Domani, lunedì 10 aprile 2017, alle ore 10.00, in collaborazione con Ferrara Off, terrò un incontro-spettacolo con i bambini della Scuola dell'Infanzia Mami Education, corso Isonzo 129, Ferrara. L'incontro-spettacolo avrà come argomento il tema del disgusto e sarà il quarto di una serie di sei appuntamenti dedicati ai sentimenti.

venerdì 7 aprile 2017

Un articolo su Oggi Milazzo

Un articolo su Oggi Milazzo che racconta gli incontri-spettacolo del 23 marzo 2017:
Comprensivo Terzo, lo scrittore Luigi Dal Cin incanta gli alunni di Carrubaro e Baronello
Giovedì scorso, nell’Istituto Comprensivo Terzo di Milazzo, ha avuto luogo l’incontro con Luigi Dal Cin, autore del libro “Orlando Pazzo nel Magico Palazzo” e scrittore dedito alla letteratura per bambini e ragazzi. Il testo di Dal Cin, vincitore del premio Andersen nel 2013, è stato letto dagli alunni di tutte le classi quarte e quinte dell’Istituto. Gli incontri con l’autore rappresentano il corollario del progetto “Ad Alta Voce” che, prevedendo la lettura individuale di un testo da parte dei bambini, il commento e l’approfondimento in classe, prosegue con una gara per l’individuazione del miglior lettore.
I bambini attendevano con ansia l’arrivo dello scrittore e lui ha superato ogni loro aspettativa. Molti aspettandosi un incontro “accademico” e formale si sono immediatamente ricreduti. Dal Cin ha saputo coinvolgere ciascun bambino con il suo collaudato approccio divertente e scanzonato. Con la sua gestualità in perfetta sintonia con la platea ha saputo attirarne, e tenere costante, l’attenzione. E soprattutto è riuscito a stimolare curiosità e fantasia, creando sul momento, insieme a loro, narrazioni fantastiche. Molte le domande e curiosità a cui ha risposto, innumerevoli gli autografi e le dediche. Nessun bambino aveva mai assistito ad uno spettacolo del genere e questa inattesa performance sarà difficile da dimenticare.
I due incontri-spettacolo sono avvenuti nella mattinata nei plessi scolastici di Carrubaro e di Baronello coinvolgendo le classi IV e V. A conclusione dell’incontro, a prosecuzione del progetto “Ad alta voce”, sono stati valutati e premiati dall’Autore quattro alunni che hanno letto con espressività e compiutezza un brano del libro “Orlando Pazzo nel Magico Palazzo”. Nel pomeriggio Dal Cin ha tenuto un seminario per i docenti sulle strategie della scrittura suscitando notevole interesse in particolar modo per i suggerimenti, indispensabili per suscitare ed esprimere per iscritto la fantasia e la creatività dei piccoli (ed anche dei grandi ). Proposte molto utili da applicare alla didattica.

mercoledì 5 aprile 2017

XIX Settimana della Lettura a San Giovanni Valdarno (AR)

Giovedì 6 aprile 2017, in occasione della XIX edizione della Settimana della Lettura organizzata dall'Associazione Culturale LIBERARTE - Amici della biblioteca e dei musei sarò a San Giovanni in Valdarno (AR) per 4 incontri-spettacolo presso l'Aula Magna dell'IPSIA Marconi riservati agli alunni delle scuole della città, con il seguente calendario:
- 8:15-9:20, Orlando Pazzo nel Magico Palazzo: classe IE della scuola media Marconi; classi IID, IIIC della scuola media Masaccio;
- 9:20-10:10, Orlando Pazzo nel Magico Palazzo: classe V della scuola elementare Rodari; classe IV della scuola elementare SS. Annunziata; classe IIC della scuola media Masaccio;
- 10:10-11:10, Scrivila, la guerra: classi IIIA, IVA e IVB della scuola elementare Don Milani;
- 11:10-12:10, Scrivila, la guerra: classi VA, VB della scuola elementare Bani; classe VC della scuola elementare Don Milani.

martedì 4 aprile 2017

Un Prato di Libri 2017

Martedì 4 aprile e mercoledì 5 aprile 2017 parteciperò alla quinta edizione di Un Prato di Libri con 7 incontri-spettacolo secondo il seguente calendario:

martedì 4 aprile 2017
8:30-10:00, scuola elementare Sacro Cuore di Poggio a Caiano (PO): classi I, II, III, IV, V
10:30-12:00, scuola elementare di Fontanelle (PO): classi IA, IB, IIA, IIB, III
14:30-16:00, scuola elementare Mascagni di Prato: classi IVA, IVB
17.30-18.30, biblioteca comunale Franco Basaglia di Vaiano (PO)

mercoledì 5 aprile 2017
8:30-10:00, scuola elementare Don Bosco di Mezzana (PO): classi I, II, III, IV, V
10:30-12:00, scuola elementare Rodari di Viaccia (PO): classi VA, VB
14:30-16:00, scuola elementare Ciliani di Prato: classi IIA, IIB

lunedì 3 aprile 2017

La narrazione: un nuovo sguardo sulla disabilità al Teatro Comunale La Vittoria di Ostra (AN)

Oggi, lunedì 3 aprile 2017, dalle ore 10.00 alle ore 12.00 terrò al Teatro Comunale La Vittoria di Ostra (AN), piazza dei Martiri 5, un incontro-spettacolo dal titolo La narrazione: un nuovo sguardo sulla disabilità per gli alunni delle classi III, IV e V della scuola elementare di Ostra (AN), organizzato dalla Biblioteca Speciale Fondazione ARCA - Autismo Relazioni Cultura Arte - onlus di Senigallia (AN) nell'ambito delle iniziative della Settimana dell'Autismo 2017.

domenica 2 aprile 2017

Giornata Mondiale della Consapevolezza sull'Autismo a Senigallia (AN)


Il 2 aprile 2017 è la Giornata Mondiale della Consapevolezza sull'Autismo: per l'occasione sarò a Senigallia (AN) presso la Biblioteca Speciale Fondazione ARCA - Autismo Relazioni Cultura Arte - onlus, via Maierini 2, per incontrare genitori, insegnanti, operatori dalle ore 16.00 alle ore 17.30 sul tema: La narrazione, un nuovo sguardo sulla disabilità, per incontrare i bambini dalle ore 17.30 alle ore 19.00 sugli in-book e il sistema di lettura WLS.
Alle ore 19.30 parteciperò a M'illumino di blu: illuminazione blu di Porta Lambertina.

sabato 1 aprile 2017

Piccoli voti di scuola, piccoli trucchi per difendersi alla 3^ edizione di Libri in Fiore, Portogruaro (VE)

Sabato 1 aprile 2017, alle ore 17:15 nell'Aula Magna del Collegio Marconi, via Seminario 34, Portogruaro (VE) terrò l'incontro-spettacolo Piccoli voti di scuola, piccoli trucchi per difendersi, nell'ambito della 3^ edizione del festival Libri in Fiore. Maggiori informazioni nel sito dell'Associazione Amici del Marconi.
Ecco il programma completo della giornata: